Biodiv'ALP: la biodiversità senza frontiere

Con Biodiv'ALP, cinque Regioni di Francia e Italia si mobilitano per proteggere e valorizzare la biodiversità delle Alpi! Un progetto di cooperazione transfrontaliera guidato dalla Regione Sud, che fa parte del programma europeo ALCOTRA.

Collegamento tra la Francia e l'Italia, confinante con le cime e il bacino del Mediterraneo, il Massiccio delle Alpi Occidentali è considerato un "hotspot" della biodiversità. Territorio montuoso, attraversato da valli che favoriscono il transito transfrontaliero, ospita ricchi riserve di biodiversità che dipendono da corridoi ecologici vulnerabili. La biodiversità è minacciata dal degrado e dalla frammentazione degli ecosistemi, da varie forme di inquinamento, da specie esotiche e invasive, ma anche dal cambiamento climatico.

Di fronte a questa constatazione della fragilità e della vulnerabilità degli ecosistemi alpini, cinque Regioni di Francia e Italia (le Regioni del Sud Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Liguria, Alvernia-Rhône-Alpes, Piemonte e Valle d'Aosta autonoma) hanno deciso di mobilizzarsi attraverso il PITEM (Piano tematico integrato) Biodiv'ALP con l'obiettivo di proteggere e valorizzare la biodiversità e gli ecosistemi alpini.

Biodiv’ALP, in poche parole 

  • Un progetto di cooperazione quadriennale (2019-2023)
  • Budget totale di 8,9 M€
  • Finanziamento dell'85% delle spese ammissibili nell'ambito del programma ALCOTRA V-A 2014-2020
  • Una strategia co-costruita
  • 5 progetti operativi
  • 26 Beneficiari franco-italiani :
    • 10 partner : 5 Regioni (Sud-Provence-Alpes-Côte d’Azur, Piemonte, Auvergne-Rhône-Alpes, Liguria, Valle d'Aosta), due Agenzie regionali per l'ambiente (Provence-Alpes-Côte d’Azur e Liguria), due Parchi Nazionali (Ecrins e Gran Paradiso), un Conservatorio di Aree Naturali (Haute Savoie).
    • 16 soggetti attuatori : Parchi nazionali (Mercantour, Vanoise), Parchi naturali regionali (Queyras, Mont Avic, Alpi Cozie, Alpi Liguri), Conservatori botanici nazionali (Alpino, Mediterraneo), Conservatorio delle aree naturali (Savoie), Provincia (Imperia), Métropole (Nice Côte d’Azur), Comune (Rhèmes-St-Georges), Camera di Commercio e Industria (Provence-Alpes-Côte d’Azur), Università (Genova), Fondazione (Montagna Sicura) , Associazione (Terra di Savoia).

Biodiv'ALP è finanziato dal programma di cooperazione ALCOTRA, come parte dell'asse prioritario 3 sull'attrattiva del territorio, la conservazione dell'ambiente e la valorizzazione delle risorse naturali e culturali.

ALCOTRA è l’acronimo di Alpi Latine COoperazione TRAnsfrontaliera. Si tratta di uno dei programmi europei di cooperazione transfrontaliera che copre il territorio alpino tra Francia e Italia. L'obiettivo? Migliorare la qualità della vita delle popolazioni e lo sviluppo sostenibile dei territori.

Per maggiori informazioni, visitate il sito web del programma www.interreg-alcotra.eu/fr

 

Il Massiccio delle Alpi Occidentali (vedi mappa sotto) è il collegamento biogeografico e transfrontaliero tra i territori francesi e italiani del programma ALCOTRA. Confina sia con le cime delle montagneche con il bacino del Mediterraneo, formando un hotspot (cioè un'area biogeografica  con una grande ricchezza di biodiversità particolarmente minacciata dall'attività umana.)
I partner del progetto Biodiv'ALP si trovano in tutto il territorio di ALCOTRA, ad est del massiccio.

Gli obiettivi del progetto

La biodiversità e gli ecosistemi alpini sono fattori di attrazione del massiccio delle Alpi occidentali e forniscono molti servizi ecosistemici di alto valore sociale ed economico per i 3,6 milioni di abitanti della zona. La loro conservazione e valorizzazione è quindi una grande sfida per tutto il territorio, per i suoi abitanti ma anche per i visitatori che vengono a scoprire questo eccezionale patrimonio.

Questi servizi sono la materia prima per l'economia dei territori e il benessere dei loro abitanti, ma sono comunque estremamente vulnerabili all'erosione della biodiversità e ai cambiamenti globali di origine antropica.

Questi problemi sono condivisi tra i territori delle regioni francesi e italiane del massiccio delle Alpi occidentali. Esse richiedono un approccio comune per rispondere in modo coerente, concertato e mirato al processo di erosione della biodiversità e dei suoi servizi su una scala biogeografica pertinente.

Sulla base di questa osservazione, un processo di consultazione tra le cinque Regioni del programma ALCOTRA e gli attori territoriali ha permesso di individuare un'ambizione quadro: proteggere e valorizzare la biodiversità e gli ecosistemi alpini attraverso un partenariato transfrontaliero e una rete transfrontaliera di connettività ecologica.

L'originalità delle attività realizzate riguarda la strutturazione transfrontaliera di una governance integrata, delle conoscenze e delle metodologie per la gestione delle riserve di biodiversità, di una politica pubblica di connettività ecologica e una strategia di valorizzazione della biodiversità.

Alla fine del 2016 è iniziato un processo di consultazione, coordinato dalla Regione Sud Provenza-Alpi-Costa Azzurra con le altre quattro Regioni dell'Auvergne-Rhône-Alpes, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, oltre a una ventina di altri partner. Questo approccio comune è stato avviato per rispondere in modo coerente, concertato e mirato al processo di erosione della biodiversità e dei suoi servizi su una scala biogeografica rilevante. Ci sono voluti due anni per mettere insieme e scambiare idee per attuare una strategia ambiziosa e innovativa. Le prime realizzazioni concrete sono iniziate nel gennaio 2019 e termineranno nel 2023.

Questo lavoro si è basato in particolare su riflessioni già avviate da altri partner (Spazio di Prefigurazione dell' Euroregione Alpi - Mediterraneo, Parchi Nazionali, Conservatori di Aree Naturali, ecc.), strutturandole in una visione a medio e lungo termine per contribuire alle grandi sfide condivise per le Alpi occidentali. Questo processo ha portato alla co-costruzione di un'ambizione quadro: proteggere e valorizzare la biodiversità e gli ecosistemi alpini attraverso un partenariato e una rete transfrontaliera di connettività ecologica.

L'organizzazione del partenariato Biodiv'ALP riunisce, in una logica trasversale ed equilibrata tra territori francesi e italiani, strutture con la competenza  e l'ambizione collettiva di svolgere le seguenti attività.

Francia

Italia

Partners

Soggetti Attuatori

Partners

Soggetti Attuatori

Regione SUD Provence-Alpes-Côte d’Azur : coordinatrice del PITEM

- Parco naturale regionale del Queyras

- Parco nazionale del Mercantour

- Métropole Nice Côte d'Azur

Regione Autonoma Valle d’Aosta

- Parco naturale regionale del Mont-Avic

- Fondazione Montagna Sicura

Agenzia regionale per la Biodiversita e l'ambiente Regione Provence-Alpes-Côte d’Azur (ARBE)

- Camera di commercio e di industria Provence-Alpes-Côte d’Azur

- Conservatorio Botanico Nazionale Mediterraneo

Parco nazionale del Gran Paradiso

-  Comune di Rhèmes Saint Georges

ASTERS -Conservatorio degli spazi naturali di Haute-Savoie

 

Regione Liguria

- Parco Alpi Liguri

- Provincia di Imperia

 

Parco nazionale degli Ecrins

 

Agenzia Regionale per l'Ambiente della Regione Liguria (ARPAL)

- Università di Genova

- Provincia di Imperia

Regione Auvergne-Rhône Alpes

- Parco nazionale della Vanoise

- Conservatorio botanico nazionale alpino

- Conservatorio degli spazi naturali di Savoie

Regione Piemonte

- Parco naturale regionale Alpi Cozie

 5 partners francesi

 8 soggetti attuatori francesi

5 partners italiani

7 soggetti attuatori italiani

 

L'ambizione di fondo di PITEM Biodiv'ALP si articola in due obiettivi strategici volti a contrastare l'erosione degli ecosistemi e delle specie protette e a rafforzare l'attrattiva del territorio transfrontaliero. Questi ultimi contribuiscono in particolare alle aspettative del programma Alcotra nel campo della biodiversità, ma anche alla strategia europea sulla macroregione alpina e alla Convenzione delle Alpi.

L'attuazione operativa di questi obiettivi si realizza attraverso cinque progetti concreti che riguardano rispettivamente il miglioramento delle conoscenze, la gestione dei serbatoi di biodiversità, la prefigurazione di una strategia per la connettività ecologica transalpina e la valutazione socio-economica della biodiversità e degli ecosistemi. Un ultimo progetto tematico riguarda il coordinamento, la comunicazione e la valutazione del PITEM Biodiv'ALP.

COEVA

Coordinamento, comunicazione e valutazione del PITEM Biodiv’ALP

Capofila:   null
Attività :

  • Stabilire una governance efficace e sostenibile.
  • Comunicare sul progetto nel suo complesso sviluppando un piano di comunicazione basato su un pubblico mirato.
  • Valutare il piano sviluppando un quadro di valutazione comprendente criteri e indicatori.
  • Garantire la sostenibilità del piano.

Durata :4 anni (jan 2019 – jan 2023).

Importo: 492.665 euros (cofinanziato all'85% delle spese ammissibili).

Attività principali :

  • Istituire, organizzare e dirigere gli organi di governo.
  • Sviluppare un piano di comunicazione basato su un pubblico target.
  • Monitorare e valutare il programma.
  • Organizzare incontri di scambio tra i beneficiari al fine di perpetuare la dinamica Biodiv'ALP.
  • Partecipare ad eventi/riunioni per integrare la strategia Biodiv'ALP in strategie multilivello e processi in corso.

Principali risultati nei 4 anni del progetto:

Governance :

  • 1 Riunione di avvio del PITEM Biodiv’ALP.
  • 4 Comitati di direzione e monitoraggio organizzati.
  • 3 Comitati consultivi.
  • 3 relazioni annuali e 1 relazione finale.

La comunicazione

  • 1 DITP Strategia di comunicazione.
  • 1 pagina web di PITEM e 1 social network.
  • Strumenti di comunicazione (opuscolo informativo, film, ecc.).
  • 1 Evento di chiusura.

Monitoraggio e valutazione

  • 1 Piano di valutazione in scala Biodiv'ALP e schede d'azione.
  • 1 Monitoraggio tecnico e strumento di finanziamento che può essere utilizzato in ogni progetto.
  • 1 Valutazione finale.

Articolazioni strategiche :

Collegamenti strategici, in particolare con la nuova generazione 2021-2027 dei programmi europei e con le dinamiche alpine in corso come la Strategia Europea sulla Macroregione alpina, la Convenzione delle Alpi, ecc.

COBIODIV

Conoscere la biodiversità e gli ecosistemi per proteggerli meglio insieme

Capofila: null
Attività :

  • Stabilire un elenco comune di specie e habitat
  • Scambio e definizione di protocolli comuni per il monitoraggio di fauna, flora e habitat
  • Condurre inventari della biodiversità nascosta
  • Strutturare di banche dati naturalistiche in una logica di interoperabilità
  • Scambiare sui metodi di monitoraggio degli habitat e delle specie della rete Natura 2000

Durata :3 anni (jan 2019 – jan 2022).

Importo: 1.883.490 euros (cofinanziato all'85% delle spese ammissibili).

Obiettivo: rafforzare la conoscenza della biodiversità e degli ecosistemi alpini in un contesto transfrontaliero

Esempio di azione :

Per quanto riguarda la  flora e vegetazione, il Conservatorio botanico nazionale alpino (CBNA) e i partner di COBIODIV sono particolarmente coinvolti nel progetto:

  • Lista rossa, botanica, tassonomia e inventario della flora
  • Monitoraggio e conservazione della flora e degli habitat.

Per questi due temi, l'obiettivo è quello di stabilire e sintetizzare il lavoro esistente sui riferimenti tassonomici, la distribuzione delle specie e la loro conservazione al fine di lavorare su una lista comune di specie e habitat.

L'obiettivo a lungo termine è quello di definire questioni comuni di conoscenza e conservazione tra Francia e Italia per le specie vegetali e gli habitat naturali e quindi di conoscerle meglio per conservarle meglio.

I partner stanno quindi lavorando insieme per definire un elenco comune e prioritario di specie e habitat per il territorio transfrontaliero e si scambiano i protocolli e gli strumenti utilizzati nell'ambito delle reti di conservazione esistenti. Il programma PITEM Biodiv'ALP favorisce gli incontri attraverso giornate sul campo e seminari tecnici franco-italiani. Essa porterà a metodi di monitoraggio condivisi per alcune specie e habitat di interesse patrimoniale e alla sperimentazione di nuovi metodi per le specie al di fuori della Direttiva europea.

GEBIODIV

Gestire le riserve di biodiversità articolando i metodi di gestione delle aree protette alpine.

Capofila :  null

Attività :

  • Condivisione di metodologie di gestione della biodiversità e di monitoraggio dei cambiamenti globali
  • Cantieri di recupero di habitat degradati con approfondimento sull’utilizzo di sementi locali

Durata: 3 anni (ott 2019 – ott 2022)

Importo : 2.825.235 euro (cofinanziato all'85% delle spese ammissibili)

Obiettivi:

  • Identificazione dei fattori di degrado degli habitat e dei metodi di gestione
  • Definizione di una rete di osservatori transfrontalieri
  •  Recupero di habitat. degradati.

Esempio di azione :

Una delle principali linee di lavoro del progetto consiste nella sperimentazione di azioni di gestione su aree e specie degradate per rafforzare la resilienza transalpina ai cambiamenti globali. Una delle azioni di questo asse prevede la realizzazione di interventi concreti di recupero, ripristino, valorizzazione e tutela di habitat e specie degradati a causa di diversi fattori di pressione antropica individuati dai partner di Biodiv’ALP sul territorio transfrontaliero.

La scelta delle aree coinvolte è il risultato di un lavoro preparatorio, utile alla definizione dei cantieri, effettuato nell'ambito di un'altra azione dello stesso progetto. Le zone selezionate sono principalmente aree protette e siti della Rete Natura 2000, ma anche ambiti non tutelati all’interno dei quali sono presenti habitat e specie di interesse conservazionistico a rischio. Le azioni previste sono: interventi di recupero di habitat di prateria degradati dal pascolo, recupero e riqualificazione di aree umide, recupero di terrazzamenti agricoli, interventi di riqualificazione di habitat ripari, recupero habitat di alta quota con sementi locali.

BIODIV'CONNECT

Proteggere le specie e gli ecosistemi attraverso una connettività ecologica transalpina dinamica e innovativa.

Capofila : 

Attività :

  • Formulare una diagnosi sullo stato di continuità ecologica sfruttando le conoscenze e l'esperienza
  • Prefigurare una strategia transfrontaliera per la conservazione delle connettivite ecologiche garante del corretto funzionamento degli ecosistemi
  • Preservare e ripristinare la continuità ecologica realizzando lavori (ricollegamento delle torbiere, neutralizzazione delle linee elettriche, realizzazione di un sottopassaggi a rospo.

Durata: 3 anni (ott 2019 – ott 2022)

Importo : 1.880.811 euro (cofinanziato all'85% delle spese ammissibili)

Obiettivi: Proteggere le specie e gli ecosistemi attraverso una connettività ecologica transalpina dinamica e innovativa.

Esempio di azione :

Nell'ambito di Biodiv’Connect, la prima azione del progetto è stata realizzata in modo completamente transfrontaliero e ha mobilitato tutti i partner.

L'obiettivo era quello di effettuare un inventario della continuità ecologica nella zona ALCOTRA.

Questo inventario si è concentrato su :

  • Individuare tutte le politiche pubbliche attuate su ogni territorio e che consentono la conservazione e/o il ripristino della continuità ecologica, siano esse obblighi normativi o strumenti contrattuali, dal livello nazionale a quello comunale
  • Identificare tutte le conoscenze disponibili relative alla continuità ecologica del territorio
  • Elaborare una prima diagnosi dello stato di queste continuezze e delle pressioni che subiscono, secondo gli esperti, e sulla base delle informazioni raccolte.

Questo inventario è stato presentato e convalidato alla presenza degli esperti di biodiversità alpina il 4 febbraio 2020 a Lione, a margine del lancio della presidenza francese di EUSALP.

PROBIODIV

Promuovere la biodiversità e gli habitat come fattore di sviluppo dei territori.

Capofila :  null
Attività :

  • Attuare azioni di formazione per qualificare gli attori del territorio transalpino
  • Capitalizzare i servizi ecosistemici e l’uso sostenibile delle risorse
  • Promuovere la biodiversità come fattore di sviluppo sostenibile dei territori: governance per la valorizzazione e la protezione attiva e partecipativa della biodiversità transalpina
  • Promuovere siti di accoglienza collegati alla biodiversita

Durata: 3 anni (gen 2019 – gen 2022)

Importo: 1.883.402 euro (cofinanziato all'85% delle spese ammissibili)

Obiettivi: Governance finalizzata alla creazione di comunità custodi, e modelli economici sostenibili basati sul valore aggiunto portato dall’alta qualità ambientale.

Esempio di azione :

La Regione Liguria, in collaborazione con l'Ente Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri, il Dipartimento di Economia dell'Università di Genova e FILSE (Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico) si occupa in particolare delle azioni di promozione del marketing territoriale sui prodotti locali. Il principale obiettivo e la creazione di una rete locale e transfrontaliera di imprese e gestori per la valorizzazione delle eccellenze del territorio.

E stata effettuata una selezione degli operatori economici maggiormente legati ai processi di tutela della biodiversità (agriturismi, aziende locali di apicoltura e zootecnia) per coinvolgerli in interviste mirate, volte a conoscere e comprendere meglio le problematiche e le esigenze connesse alle rispettive attività. L'analisi SWOT (Forza-Strengths, Debolezze-Weaknesses, Opportunità-Opportunities), Minacce-Threats) che emersa da questi confronti verrà utilizzata per progettare nuove soluzioni e proposte in grado di fornire alle aziende utili strumenti di vendita e promozione dei prodotti di eccellenza locali (ad es. design di etichette, packaging ecc.).

Agenda

LANCEMENT DU PROJET BIODIV’ALP « LA BIODIVERSITÉ SANS FRONTIÈRE »

Coup d’envoi du projet européen Biodiv-ALP mardi 4 juin à Mônetier-les-Bains !
La Région Sud organise un évènement pour lancer officiellement ce programme qui réunit cinq Régions de France et d’Italie, autour de la protection et de la valorisation de la biodiversité des Alpes.  Consultez l'agenda 

 

Fototeca

Informazioni di contatto

biodivalp@remove-this.maregionsud.fr